Form di ricerca

Etichette Intelligenti A Difesa Del Made In Italy

24/02/2015

NEXT Ingegneria dei Sistemi ha prodotto un dimostratore tecnologico che risolve il problema dell’autenticità Made in Italy.

La soluzione, sviluppata in collaborazione con Telespazio (un’azienda del gruppo Finmeccanica / Thales), fa uso di una serie di elementi altamente tecnologici, che assicurano la tracciabilità e l’autenticità di prodotti pregiati.

I prodotti vengono infatti dotati di “etichette intelligenti” (con tecnologia NFC) su cui sono riportati identificativo e dati utili a tracciare il prodotto stesso.

L’origine e la certificazione del prodotto vengono garantiti dal servizio di tracciamento geo-satellitare Verisat™, brevettato da Telespazio e basato sul sistema GNSS (Global Navigation Satellite System).

I dati contenuti nell’etichetta possono essere letti dai consumatori utilizzando un’apposita applicazione per Smartphones che consente di verificare l’origine e le caratteristiche del prodotto e di accedere a tutte le informazioni disponibili sul prodotto stesso; per i produttori invece, l’applicazione mobile rappresenta un canale di comunicazione diretta con i potenziali compratori, agevolando il passaggio di informazioni e conoscenze dal produttore al consumatore, con un sensibile incremento di qualità e fiducia.

NEXT ha progettato l’architettura software ed ha sviluppato i componenti software per realizzare sia l’inserimento dei dati di tracciamento, che l’applicazione mobile.

Questa soluzione è stata presentata il 9 novembre 2014 al Centro Nazionale Studi Tartufo, durante la 15a edizione dell’Asta Mondiale del Tartufo Bianco d’Alba, nel prestigioso castello di Grinzane Cavour.

Tra i tartufi dotati di “etichetta intelligente”, è stato battuto all’asta un meraviglioso esemplare di tartufo bianco di circa un kilogrammo, di rara purezza e che ha richiesto ben due cani e due ore, per poter essere estratto. Per avere la meglio, un intenditore proveniente da Hong Kong, che ha voluto rimanere anonimo, ha speso l’iperbolica cifra di 100,000 Euro, che sono stati donati in beneficenza.