Form di ricerca

A Bordo Treno

 
TCMS (Train Control Management Systems) Software Components 

 

NEXT collabora con Ansaldo allo sviluppo di componenti hardware e software. A tal proposito, NEXT ha maturato un’esperienza decennale nella realizzazione di sistemi TCMS  e di componenti software che svolgono funzioni di supervisione e controllo degli apparati di bordo  delle  carrozze dei treni ( Trenitalia Intercity ) , metropolitane e locomotive (ETR403 ). Alcuni esempi sono i seguenti:

  • DIS (Driver Information System) - Scatola nera per la flotta delle locomotive Trenitalia          
  • IC901 Sistema di supervisione e controllo flotta carrozze intercity Trenitalia
  • E403 Sistema CCU (Central Control Unit) e IDU (Integrated Diagnostic Unit)
Il contesto operativo è relativo alla supervisione e alla gestione degli apparati di bordo treno e l’obiettivo primario che si prefiggono è quello di attuare azioni automatiche durante la marcia (a seguito di malfunzionamenti o diagnostica) e supportare il conducente e gli operatori di manutenzione per la diagnostica di 1° e 2° livello dei componenti a bordo treno. Le principali funzioni di controllo e automazione sono:
  • acquisizione e gestione in tempo reale degli eventi provenienti dalle centraline (freni, convertitori, climatizzatori, etc)
  • attuazione di specifiche azioni a seguito di allarmi (tipicamente IDU – Integrated Diagnostic Unit)
  • monitoraggio in tempo reale delle variabili ambientali (temperature, tensioni, correnti, pressione freni)
  • memorizzazione degli allarmi con relativa gestione dell’acknowledgment (di 1° e 2° livello) con eventuali azioni per il recovery di situazioni diagnostiche
  • integrazione e interfacciamento con altri sistemi: Logica di Veicolo (Siemens, Alstom, Bombardier, ecc), SCMT (Sistema Controllo Marcia Treni, Sistemi di circolazione)
  • gestione degli apparati di MMI (Man Machine Interface) secondo le normative IEC1375 e EN50155
  • Scarico dei dati diagnostici e allarmi via GPRS, WiFI, LAN, web server, ecc e postprocessing della diagnostica
​Le informazioni diagnostiche e di monitoring degli impianti vengono fornite al guidatore o altri operatori (capotreno, manutentori, ecc.) attraverso opportune e specializzate interfacce, dalle quali è poi possibile esercitare le proprie scelte. Nell’ambito di tali sistemi vengono utilizzati i protocolli e le normative indicate negli standard internazionali TCMS: MVB (Multivehicle Bus) per l’interfacciamento a bordo veicolo, WTB per l’interfacciamento tra veicoli, TCN57 (per l’interfacciamento con altri dispositivi via seriale). Nell’ambito dei sistema DIS è stato gestita anche la patente del macchinista mediante Smart Card con utilizzo di certificati standard.